Consiglio sulle semine

La luna nell’orto, come influenza le piante

  La luna nell’orto, anche se fresca e notturna, è argomento ‘scottante’. Nel senso che ci sono opinioni contrastanti al riguardo e, che si creda o meno alla sua influenza sulla crescita delle piante, resta un elemento di cui dovere parlare. Per chi, come me, viene da una famiglia di ‘contadini-orticoltori’ dove Frate Indovino faceva sempre bella mostra di sé sul muro della cucina ed era oggetto di grande attenzione, non tenere conto della luna è un sacrilegio, ma capisco gli scettici che, in un periodo in cui i satelliti sono più delle stelle, storcono il naso nello scrutare il calendario lunare ad ogni ‘piè sospinto’.

Cerchiamo quindi di capirne i principi fondamentali per aiutare chi vorrà farne uso e tenerne di conto. Secondo i vecchi contadini e i sostenitori dell’agricoltura biodinamica, la luna influenza il nostro orto tanto quanto il sole, ne governa i vari aspetti (semina, lavori colturali, raccolta) in modo complementare.

Sembra per esempio che la luce lunare penetri più profondamente nel suolo di quanto non faccia la luce solare e che certe attività, come la germinazione, sia inibita dall’eccessiva intensità del sole e sia favorita nel corso della notte.

L’aspetto più importante da capire è che:

- durante la luna crescente i succhi linfatici risalgono verso la superficie (per lo stesso effetto a cui sono soggette le maree) e quindi è favorito lo sviluppo vegetale delle piante;

- durante la luna calante si ha l’effetto opposto, gli stessi succhi vegetali si ritirano verso la radice e la terra più accogliente.

Su questa base è facile comprendere perché le semine vadano effettuate con la luna crescente, tuttavia alcune preferiscono la calante, come la lattuga. Questa se seminata in luna crescente tenderà subito a fruttificare a scapito della tenerezza delle foglie e della compattezza del cespo.

Per riassumere in modo semplice possiamo dire che:

- le piante di cui raccoglieremo fiori e frutti si semineranno in luna crescente;

- quelle che è meglio che vadano a fiore più tardi possibile in luna calante.

Un’ultima raccomandazione: non si deve mai seminare quando ci sono le eclissi e in concomitanza dei nodi lunari, ovvero due giorni al mese durante l’ apogeo (punto di massima distanza tra luna e il sole) e il perigeo (punto di cui sono più vicini). I calendari lunari ci saranno di aiuto in questo.

f.to Nara Marrucci della Fondazione Bonduelle

Calendario lunare




Per vedere i consigli della luna di questo mese clicca sul link azzurro qui sotto !

http://www.barbanera.it/lunario.php


Per i consigli di in orto
http://www.inorto.org/2011/12/la-luna-nellorto-impariamo-le-fasi-lunari/